STATUTO - CITTADE Associazione Civica Battipaglia

Vai ai contenuti

STATUTO


STATUTO ASSOCIAZIONE CIVICA “CITTADE”

Art. 1 (costituzione, sede e logo)
E’ costituita una associazione non riconosciuta denominata “Associazione Civica Cittade”. L’associazione ha sede in Battipaglia (SA), via Verona n° 4.
Il trasferimento della sede sociale non comporta modifiche statutarie.
Il logo dell’associazione CITTADE è una rappresentazione grafica contraddistinta nelle prime due lettere iniziali di Cittade “Ci” in una testa di balena in colore bordeaux, la rimanente scritta è in carattere inclinato di colore oro, sovrastata da fabbricati indicanti “Le Comprese” in colore grigio, come l’indicazione “Associazione Civica”.

Art. 2 (scopi)
L’associazione è apartitica e non ha finalità di lucro. Essa persegue i seguenti scopi: promuovere l’informazione, la coscienza e la partecipazione dei cittadini alla vita pubblica, al fine di favorire la crescita culturale e civile della città; curare i rapporti con le Pubbliche Amministrazioni (statali, comunali, provinciali, regionali, enti pubblici etc.), allo scopo di promuoverne e monitorare le rispettive attività, per risolvere questioni di interesse pubblico; promuovere indagini e azioni che contribuiscano alla corretta pianificazione e valorizzazione del territorio; collaborare con altre associazioni cittadine o del quartiere, ricercando con esse  ogni possibile unità di intenti e di azione pubblicare periodici che trattino tematiche locali, nazionali o internazionali e che riportino informazioni sulla vita dell’associazione; promuovere dibattiti, conferenze relativi ad argomenti locali, nazionali ed internazionali; intervenire nei settori della cultura, della politica, dell’istruzione, della ricerca scientifica e del tempo libero.
L’Associazione potrà svolgere qualunque altra attività connessa ed affine a quelle sopra elencate, che sia utile alla realizzazione dei fini sociali o comunque attinenti ai medesimi sia direttamente che indirettamente.
Le iniziative dell’Associazione si espletano anche nell’organizzazione di attività di formazione, di convegni, esposizioni, cineforum, spettacoli, mostre e altre manifestazioni di valenza culturale in genere e di quanto altro possa risultare utile al più efficace perseguimento dei fini istituzionali.
Per il raggiungimento dello scopo sociale l’Associazione può costituire Comitati ed altri Organi ai quali vengono delegati poteri e compiti stabiliti dal Consiglio Direttivo e da appositi Regolamenti.
L'Associazione può collaborare con altre Associazioni e può aderire a iniziative di altri soggetti, se non in contrasto con i fini sociali.

Art. 3 (soci)
Nell’associazione si distinguono i soci fondatori e i soci ordinari. Sono soci fondatori quelli risultanti dall’atto costitutivo. Il rapporto associativo è unico per tutte le figure dei soci indipendentemente dal tipo. Possono far parte dell’Associazione tutti i cittadini, di qualsiasi cittadinanza, razza, religione ed età. Per essere ammesso a socio bisogna presentare domanda al Consiglio direttivo e versare la quota di iscrizione. Sull’ammissione a socio il Consiglio direttivo delibera con la maggioranza di almeno due terzi dei componenti. I soci sono tenuti al pagamento della quota sociale stabilita annualmente dal Consiglio direttivo, al rispetto dello Statuto e dei Regolamenti emanati. Può essere escluso o sospeso il socio che commette azioni pregiudizievoli agli scopi o al patrimonio dell’associazione o lesive alla dignita degli altri soci. Il Consiglio direttivo decide sull’esclusione o la sospensione del socio con le stesse modalità indicate per l’ammissione.
Il socio recedente o escluso non ha diritto al rimborso della quota annuale.
I soci aderenti all’associazione hanno diritto di eleggere gli organi sociali e di essere eletti negli stessi.
Il socio può recedere dall’associazione mediante comunicazione scritta da inviare al Presidente del Consiglio Direttivo.
Il socio non in regola con la quota annuale viene escluso automaticamente.

Art. 4 (organi)
Sono organi dell’Associazione:
a) l’Assemblea dei soci;
b) il Consiglio direttivo;
c) il Presidente.

Art. 5 (l’assemblea dei soci)
L'assemblea dei soci è costituita da tutti i soci in regola con il versamento delle quote sociali; essa è convocata dal consiglio direttivo almeno una volta l'anno a mezzo comunicazione trasmessa dal Presidente almeno 8 giorni prima dell’assemblea. L’Assemblea è sovrana ed elegge i membri del consiglio direttivo e nomina tra i consiglieri eletti il Presidente. L'assemblea dei soci determina gli obiettivi dell’associazione e le iniziative atte a realizzarli. L’Assemblea delibera col voto favorevole della maggioranza dei presenti che rappresenta almeno la metà dei soci. E’ invece richiesto il voto favorevole di due terzi dei soci presenti in assemblea che rappresentano almeno la metà dei soci per modificare lo statuto dell’associazione, per deliberare lo scioglimento dell’associazione e per la nomina o la revoca dei liquidatori. Non sono ammessi voti per corrispondenza. E’ ammesso il voto per delega ed ogni delegato può portare un massimo di due deleghe.

Art. 6 (il consiglio direttivo)
L’associazione è retta da un consiglio direttivo che cura l’amministrazione ordinaria e straordinaria della medesima. Il consiglio direttivo ha lo scopo di dare esecuzione pratica alla volontà dell’assemblea. Non possono far parte del consiglio direttivo segretari politici o responsabili amministrativi a livello nazionale o territoriale di partiti od organismi politici formalmente riconosciuti. Il consiglio direttivo è composto da un numero di membri variabile da tre a undici, come verrà determinato dall’assemblea dei soci. Possono far parte del consiglio direttivo i soci. Per la prima volta la determinazione del numero dei membri e la loro nomina vengono effettuate nell’atto costitutivo. Il consiglio direttivo dura in carica tre anni ed i suoi membri possono essere rieletti.  Esso si riunisce ogni volta che sia necessario anche in teleconferenza, su iniziativa del presidente o di almeno un quarto dei consiglieri. Per lo studio di specifiche questioni il consiglio direttivo può costituire specifici gruppi di lavoro, ai quali possono essere invitati a partecipare anche esperti o tecnici esterni. Questi ultimi possono essere invitati a partecipare anche alle assemblee dei soci. Il consiglio direttivo potrà nominare, altresì, tra i consiglieri, un tesoriere, il quale, durante l'assemblea annuale dei soci, presenterà un resoconto relativo allo stato contabile dell’assemblea, un segretario ed eventuali figure atte a raggiungere gli scopi prefissati.

Art. 7 (il presidente)
Il presidente, nominato dall’assemblea dei soci, rappresenta legalmente l’associazione di fronte a terzi ed in giudizio nonché a tutte le autorità amministrative e giudiziarie ed ha l’uso della firma sociale.

Art. 8 (il patrimonio sociale)
Il patrimonio sociale è costituito:
a. dalle quote sociali di iscrizione deliberate dal consiglio direttivo;
b. da quote annuali stabilite periodicamente dal consiglio direttivo;
c. da ogni bene mobile e immobile che diverrà di proprietà dell’associazione;
d. da eventuali fondi di riserva costituiti con le eccedenze di bilancio;
e. da eventuali donazioni, erogazioni, lasciti, contributi e sovvenzioni di qualsiasi natura.
E’ vietata, anche in modo indiretto e sotto qualsiasi forma, la distribuzione tra i soci di utili o avanzi di gestione, nonché di fondi, riserve o capitale durante la vita dell’associazione, salvo che la destinazione o la distribuzione non siano imposte dalla legge.

Art. 9 (scioglimento)
Lo scioglimento dell’associazione è deliberato dall’assemblea con la maggioranza prevista dall’art. 5 del presente statuto; l’assemblea può provvedere, se lo riterrà opportuno, alla nomina di uno o più liquidatori. Nel caso in cui l’assemblea convocata dal presidente andasse deserta o non raggiunga il numero minimo previsto all’art. 5 per 3 convocazioni consecutive, il presidente può procedere allo scioglimento della stessa.
La destinazione dell’eventuale saldo attivo della liquidazione, come pure il patrimonio residuo non dimesso, sarà, salvo diversa destinazione disposta dalla legge, destinato a finalità di pubblica utilità.

Art. 10 (disposizioni generali)
Per tutto quanto non contenuto nel presente statuto valgono le disposizioni di diritto comune.


tutti i diritti riservati © CITTADE Associazione Civica
2017 arimat8789 & Cittade
CITTADE Associazione Civica
Via Verona, 4
84091 Battipaglia - Sa
+39 123 456.789.12
Torna ai contenuti